Blog

Quesito / Spese per il nutrizionista

31 ottobre 2017

L’Agenzia delle Entrate ha affrontato questo specifico caso nella circolare n.11 del 21/5/2014. In questa circolare si precisa che le spese per le visite nutrizionali finalizzate alla predisposizione di diete alimentari personalizzate sono detraibili in quanto assimilabili alle spese mediche. Ai fini della detrazione la visita deve essere fatta da un continua la lettura

Quesito / Donazioni ad associazioni sportive

27 ottobre 2017

La normativa vigente prevede esplicitamente la possibilità di detrarre le erogazioni liberali fatte dalle persone fisiche a favore delle associazioni sportive dilettantistiche. Mettendo insieme normativa e prassi il funzionamento di questa detrazione è sintetizzabile come segue. Risulta possibile ridurre l’Irpef dovuta per un importo pari al 19% della donazione effettuata fino ad un valore massimo di euro 1.500. Nel caso del quesito lo sconto ottenibile è pari ad euro 95,00 (19% di euro 500,00). Il beneficio continua la lettura

Quesito / Business plan

24 ottobre 2017

Letteralmente “business plan” significa “piano d’affari”. Si tratta, in sostanza, di uno studio di fattibilità, inerente un’attività imprenditoriale, avente come obiettivo la previsione, proiettata nel medio-lungo periodo, della dinamica delle principali variabili economiche, finanziarie e patrimoniali dell’impresa. L’oggetto di valutazione può essere una nuova attività imprenditoriale o l’avvio di un nuovo ramo d’affari da parte di imprese già esistenti. In relazione alle finalità conoscitive per cui viene redatto il business plan può essere variamente configurato. Nel caso di costituzione di una nuova realtà imprenditoriale l’aspirante imprenditore ai fini della corretta continua la lettura

Quesito / Vestiario e fisco

20 ottobre 2017

In merito alla deducibilità, da parte di professionisti e artisti, dei costi per il vestiario e relativi accessori la Commissione Tributaria provinciale di Milano ha recentemente sentenziato favorevolmente al contribuente indicando anche, a supporto della decisione, interessanti argomentazioni che di seguito sintetizzo. La sentenza è del luglio 2016 e riguarda la contestazione da parte dell’Agenzia delle Entrate della deduzione di spese per l’acquisto di vestiario moderno (abiti, scarpe, accessori in genere, trucchi, ecc.) operata da una artista dello spettacolo. In particolare il contribuente, in questo caso, aveva operato la deduzione definendo i beni acquistati come “ad uso continua la lettura

Quesito / Integratori e attività motoria

17 ottobre 2017

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito la propria posizione in merito alla indetraibilità degli integratori alimentari con propria Risoluzione del 20 giugno 2008. In particolare nella Risoluzione si precisa, citando la normativa di riferimento, che gli integratori alimentari sono preparati concentrati di sostanze nutritive (vitamine, minerali, amminoacidi, fibre, ecc.) la cui somministrazione avviene a scopo di cura al fine di ottimizzare l’apporto nutrizionale delle comuni diete. Cosi definiti gli integratori continua la lettura

Quesito / Agevolazioni per lo sport dei ragazzi

13 ottobre 2017

Le spese per attività sportive praticate da ragazzi di età compresa tra i 5 e i 18 anni, entro un importo non superiore ad euro 210 per ragazzo, sono detraibili dall’Irpef per una quota pari al 19% della spesa stessa. Il beneficio massimo ottenibile in termini di risparmio di imposta è quindi pari ad euro 39,90 (il 19% di euro 210). Risulta utile precisare le condizioni da rispettare per poter effettuare correttamente la suddetta detrazione. Innanzitutto tali spese rilevano fiscalmente “per cassa” per cui la detrazione può essere utilmente effettuata nell’anno del pagamento a prescindere dal periodo di competenza. continua la lettura

Quesito / Spese per gli addetti ai servizi domestici

10 ottobre 2017

Attualmente è possibile dedurre dal reddito complessivo i contributi versati per gli addetti ai servizi domestici e all’assistenza personale o famigliare del contribuente (baby sitter, colf, badanti, ecc.). Per chiarezza è necessario distinguere due situazioni per le quali è previsto un diverso trattamento fiscale. Nel caso in cui il soggetto destinatario del servizio sia “autosufficiente” il datore di lavoro potrà dedurre dal proprio reddito complessivo solo i contributi previdenziali relativi al rapporto di lavoro rimasti a proprio carico. Nel caso in cui il soggetto destinatario del servizio sia “non continua la lettura

Una nuova etica del lavoro?

7 ottobre 2017

UNA NUOVA ETICA DEL LAVORO?

Il tema è molto interessante. Siamo veramente «collettivamente» così ricchi da poter ridefinire la nostra etica in materia di lavoro?

Dobbiamo “solo” convincere le élite politiche, economiche e sociali del nostro paese (o, sarebbe meglio dire, dell’intero pianeta) a condividere equamente la «presunta» inesauribile ricchezza che l’automazione produce? continua la lettura

Quesito / Le spese veterinarie

5 ottobre 2017

Nell’ambito delle detrazioni per oneri è possibile detrarre dall’Irpef il 19 per cento delle spese veterinarie pagate nel periodo d’imposta di riferimento considerando solo la parte di queste ultime che eccede la franchigia di euro 129,11. E’ previsto anche un importo massimo su cui calcolare la detrazione pari ad euro 387,34. In sintesi la spesa massima su cui è possibile calcolare la detrazione è di euro 258,23 (pari alla differenza tra euro 387,34 ed euro 129,11). Lo sconto fiscale dall’imposta massimo ottenibile è continua la lettura

Quesito / Gli incapienti

3 ottobre 2017

Nel linguaggio tributario è incapiente chi, generalmente per effetto di redditi molto bassi, risulta non avere imposta a debito trovandosi quindi nella condizione di non poter utilizzare tutte le detrazioni d’imposta teoricamente spettanti. Il principio è molto semplice, le detrazioni di imposta nella maggior parte dei casi possono operare solo diminuendo l’imposta dovuta e se l’imposta è zero le detrazioni residue non apportano alcun beneficio. Su questa questione si discute spesso nel merito in quanto in questi casi, degni di specifica tutela in quanto si parla generalmente di continua la lettura